martedì 25 ottobre 2016

Grazie Vallonia


#STOPCETA, IL "NO" DELLA VALLONIA E I MEDIA DI REGIME AL SOLDO DELLE LOBBY
Negando il suo consenso al trattato di libero scambio tra Europa e Canada, la Vallonia (regione del Belgio) ha impedito la firma dell’accordo, mandando su tutte le furie la Commissione Europea, ma anche le multinazionali e le lobby che questo trattato lo hanno scritto a due mani con i tecnocrati europei.
E così la macchina del fango in Europa e in Italia non ha tardato a mettersi in moto: la Repubblica scrive: “La Vallonia non firma il Ceta e disintegra l'Europa” e i TG raccontano che la democrazia europea è in pericolo perché una regione minuscola può tenere in scacco l’accordo tra due continenti.
Ma cosa ha fatto veramente la Vallonia?
La Vallonia è colpevole di aver usato le sue prerogative democratiche per opporsi alle multinazionali e alle lobby che sostengono il CETA. E lo ha fatto per difendere la sua sovranità e la sua agricoltura, in pratica ha fatto quello che nessun altro governo in Europa si sognerebbe mai di fare: difendere la sua gente!
Perché? Non per un capriccio o per bloccare l’Europa, ma per salvarla dall’ennesimo attacco delle corporation complici della Commissione, per le stesse ragioni per cui il MoVimento 5 Stelle combatte il CETA fin dall’inizio e per la stessa ragione per cui 2.000 sindaci Europei, inclusi molti sindaci M5S, hanno firmato un appello contro il CETA:
* Perché il CETA è un trattato scritto da e per le multinazionali contro i cittadini e le PMI;
* Perché non porterà nessun beneficio per la crescita, (Pil +0,01% all’anno a fronte di 167.000 posti di lavoro perduti);
* Perché la trasparenza dei negoziati è stata ancora più bassa di quella del TTIP;
* Perché il CETA permette alle multinazionali di fare causa agli Stati contro ogni legge che riduca i loro profitti e le cause non si svolgeranno davanti ai giudici, ma davanti a una corte sopranazionale;
* Perché il CETA svenderà i servizi pubblici e renderà irreversibili le privatizzazioni. Ospedali privati, acqua privata e scuole private si espanderanno sempre di più fino a diventare la norma. Il concetto di accesso universale sparirà per sempre;
* Perché il CETA darà un duro colpo all’agricoltura Europea visto che in Canada le imprese agricole sono fabbriche gigantesche, in media 20 volte più grandi di quelle europee e che privilegiano la quantità alla qualità;
* Perché il Canada è il terzo produttore mondiale di OGM e il CETA faciliterà l’approvazione di più OGM in Europa, aumentando le pressioni delle multinazionali sui governi;
* Perché mentre i nostri allevatori soffrono la crisi saremo invasi da 130.000 tonnellate di carne canadese trattata con ormoni.
E mentre la Vallonia prova a difendere il suo popolo davanti alla Commissione Europea, alle corporation e alle lobby, l’Italia che fa? La solita figura da cioccolatai. Dalla bocca del Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda è infatti uscita una dichiarazione agghiacciante: “È tragico che un accordo negoziato per più di 8 anni venga annientato dal Parlamento della Vallonia”.
Eh no, “caro” Calenda... La vera tragedia sarebbe permettere alle vostre amiche lobby di uccidere il nostro futuro!
STOP CETA 

Nessun commento:

Posta un commento

Stiamo aspettando le tue considerazioni, i tuoi consigli, le tue proposte: scrivici, o vieni ai nostri incontri!

M5S PRIMO PARTITO IN ITALIA

Il dopo elezioni l'Italia si è svegliata incuriosita, vogliosa di capire ora che succede, un po' preoccupata ma anche consapevole ...