mercoledì 11 marzo 2015

Esposto alla Corte dei Conti :4.000€ spese legali












Il MoVimento5StelleSaonara ha deciso di procedere con un esposto per avere chiarezza sulle delibere di giunta che approvano la spesa di 4.000€ per le spese legali a tutela dei dipendenti comunali indagati per il concorso di geometra.
 Altre Info

Spett.le
Procura Regionale
Corte dei Conti
Venezia

Il sottoscritto Omero BADON, consigliere comunale nel Comune di Saonara (Padova),
 con la presente intende segnalare  a codesta Procura la Delibera di Giunta comunale n. 20 del 19/02/2015 che sembra avere aspetti di irregolarità.
La deliberazione in questione è stata modificata/corretta con deliberazione n. 22 del 05/03/2015 senza modificare il deliberato che consiste nel concedere patrocinio legale a carico dell’ente (dei cittadini)  ai membri di una commissione d'esame, per l'assunzione di un geometra,  sul cui carico pende un procedimento penale per abuso in atti d'ufficio ( procedimento penale n. 2015/422 R.G.N.R. presso il Tribunale di Padova).

Sottolineo che le deliberazioni hanno  parere favorevole di uno degli indagati cosa sicuramente anomala a illegittima per conflitto di interessi ai sensi dell'art. 6 bis legge 241/90 e quanto previsto dall'art. 7 del DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62 Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell'art. 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 165.

La spesa preventivata per l'assistenza legale è di  quattromila euro.

Evidenzio inoltre:

1)    La commissione era composta da tre membri, di cui due dipendenti del Comune di Saonara, il terzo  è un istruttore tecnico (geometra)  di un altro  Comune della Provincia di Padova. Specifico inoltre che uno dei due “dipendenti”  del Comune di Saonara alla data del concorso in questione era in aspettativa con incarico dirigenziale a tempo determinato.
E' pertanto corretto che il Comune di Saonara si faccia carico delle spese per la tutela legale per persone NON dipendenti del Comune?  

2)    E' giuridicamente plausibile che la deliberazione si fondi sul comma 1 dell'art. 60 del CCRL  del 01/08/2002 (contratto di lavoro non nazionale, ma applicato esclusivamente ai  Dipendenti degli EE.LL. della Regione Friuli-Venezia –Giulia,  ad autonomia statutaria)

3)     Il succitato art. 60 comma 1… dispone: " L'Ente, anche a tutela dei propri diritti e interessi, ove si verifichi l'apertura di un procedimento di responsabilità civile o penale nei confronti di un suo dipendente per fatti o atti direttamente riferibili all'espletamento del sevizio e all'adempimento dei compiti d'ufficio, assumerà a proprio carico, a condizione che non sussista conflitto di interessi, ogni onere di difesa sin dall'apertura del procedimento, facendo assistere il dipendente da un legale di comune gradimento";

4)     lo stesso art 60 al comma 3 cita : “. La disciplina del presente articolo non si applica ai dipendenti assicurati ai sensi dell’art. 65, comma 1.,

5)    Si desume pertanto che l’assunzione a carico dell’ente pubblico delle spese per l’assistenza legale al dipendente non è automatico e obbligatorio ma si verifica solo a seguito di attente e rigorose valutazioni che l’Amministrazione stessa è tenuta a valutare per una corretta e trasparente gestione delle risorse economiche pubbliche;.
Le valutazioni sono:
a)  l’esistenza di esigenze di tutela di interessi e diritti facenti capo all’ente pubblico; 
b) la stretta inerenza del procedimento penale a fatti verificatisi nell’esercizio ed a causa della funzione esercitata o dell’ufficio rivestito dal dipendente/funzionario pubblico;
c) se i dipendenti interessati sono assicurati;

6)    l’assenza di conflitto di interessi tra gli atti compiuti dal soggetto sottoposto a procedimento penale e l’ente di appartenenza;

7)     il punto5) delle  PROPOSTE della Delibera cita: “nella conclusione del procedimento con una sentenza definitiva di assoluzione con formula piena o cd. liberatoria, con cui sia stabilita l’insussistenza dell’elemento psicologico del dolo e della colpa grave e da cui emerga l’assenza di pregiudizio per gli interessi dell’Amministrazione. “
 E’ pertanto chiaro che il precedente punto 6  può essere accertato solo al termine del procedimento stesso
A disposizione per eventuali  chiarimenti porgo distinti saluti.

Omero BADON
Consigliere Movimento 5 Stelle Saonara

Nessun commento:

Posta un commento

Stiamo aspettando le tue considerazioni, i tuoi consigli, le tue proposte: scrivici, o vieni ai nostri incontri!

M5S PRIMO PARTITO IN ITALIA

Il dopo elezioni l'Italia si è svegliata incuriosita, vogliosa di capire ora che succede, un po' preoccupata ma anche consapevole ...