lunedì 3 novembre 2014

Sale Slot a Padova

Sale slot a Padova: endrizzi (M5S) incalza Bitonci "Vada oltre gli slogan"

alt"Spero che questa volta il sindaco Bitonci faccia sul serio; la sua promessa elettorale di non far aprire la sala giochi di via Lanari non è stata mantenuta. Non ha rimosso le SLOT machines nemmeno dal bocciodromo comunale". A puntare il dito sulla situazione è il senatore padovano del Movimento 5 Stelle Giovanni Endrizzi.
"Sulla regolamentazione degli orari il Comune di Milano ha appena perso la causa al TAR - aggiunge Endrizzi - Vedremo se Bitonci avrà esito diverso. Io me lo auguro. Sul gioco d'azzardo non si può stare a guardare ciò che tutti i partiti hanno colpevolmente permesso a partire dagli anni novanta, con responsabilità ben spartite tra centrodestra e centrosinistra e pure la Lega, e che ha visto il ministro Tremonti in prima fila appena 5 anni fa, introducendo sul mercato le ancor più micidiali Videolottery (VLT) che stanno addirittura soppiantando le slot machines.
Abbiamo una intera generazione ormai abituata a puntare sull'azzardo anziché scommettere su se stessa; Da una indagine è emerso che moltissimi minorenni giocano d'azzardo e quasi l'8% del quindicenni lo fa in modo problematico. Più precoce è l'inizio, più aumentano le probabilità di sviluppare patologie e in forme mediamente più gravi. La pubblicità e le sponsorizzazioni sportive hanno una grande capacità di attrarre giovani, guardate in TV l'intervallo di una partita di calcio e vene renderete conto.
Insieme con il collega Massimo Baroni della Camera ho elaborato una proposta di legge sul gioco d'azzardo che affronta il problema a 360 gradi.
Prevede maggiori poteri ai sindaci nell'autorizzare l'apertura di nuove sale, modulare gli orari di apertura. Vietare la pubblicità e le sponsorizzazioni. Introduce un tesserino elettronico obbligatorio per giocare d'azzardo, più efficace della tessera sanitaria per impedire il gioco ai minori e nello stesso tempo il riciclaggio di denaro malavitoso.
Impone trasparenza da parte delle società concessionarie, rispetto alle infiltrazioni mafiose e aumento la tassazione che oggi è inaccettabilmente agevolata; dobbiamo considerare che il denaro viene sottratto ai consumi alternativi e alle imprese italiane che producono beni essenziali epr il mercato interno; lo Stato perde quindi circa 4 miliardi di l'IVA che ne deriverebbe e poi nessuno conta i 6 miliardi di costi sociali e sanitari.
Infine (ma potrebbe essere il primo punto) il divieto per la filiera del gioco d'azzardo di finanziare partiti e politici. Se oggi siamo in questa situazione è perchè le lobby del gioco d'azzardo hanno messo a libro paga chi dovrebbe invedce lavorare per i cittadini.
La proposta di legge è ora depositata su LEX il nostro portale interattivo; per due mesi tutti i cittadini possono contribuire a migliorarla ed infine verrà depositata contemporaneamente al Senato ed alla Camera".

Nessun commento:

Posta un commento

Stiamo aspettando le tue considerazioni, i tuoi consigli, le tue proposte: scrivici, o vieni ai nostri incontri!

Ente Moscon News

Dopo un lungo periodo di calma, sembra che il vecchio CDA abbia dato un colpo di coda,  indicando al”NUOVO” il percorso da fare. Natur...