domenica 9 febbraio 2014

Lo"svuota carceri"

celle-aperte.jpg

Dopo il decreto Imu-Bankitalia e la "tagliola" imposta dalla Boldrini, il Governo ritorna a bomba con un nuovo decreto e una nuova questione di fiducia. Questa volta l'obiettivo è svuotare le carceri italiane. È il quarto decreto negli ultimi tre anni (due sono del governo Monti) sull'argomento. Perché la soluzione al problema delle carceri era dietro l'angolo e non ce n'eravamo mai accorti: basta aprire le celle e lasciare che i detenuti escano con tanti saluti a quel mito che è la certezza della pena. Un indulto mascherato.

Ma il decreto "Svuotacarceri" ha già prodotto i suoi effetti dalla data di pubblicazione, il 23 dicembre scorso, e ha fatto uscire mafiosi, assassini e stupratori (quelli veri) prima che il M5S mettesse un freno, facendo escludere dai benefici chi ha commesso questi reati. Perché il decreto Letta-Cancellieri, come la legge elettorale, non è stato possibile discuterlo in commissione dove la presidente Ferranti ha concesso di discutere solo 8 emendamenti (sui circa 500 totali) dando 3 minuti a gruppo. La tagliola fa scuola mentre nessuno si sogna di prendere in considerazione il contro-piano carceri presentato dal M5S.

Insomma, ennesimo decreto, ennesima fiducia, non per salvare i carcerati ma per non pagare le multe della Ue, lasciando le carceri così come sono in modo che chi entra possa vivere nelle stesse condizioni di chi è uscito.

ps= abbiamo chiesto al Dap i nomi di chi è uscito e i reati di cui si è macchiato. Dal ministero della Giustizia nessuna notizia. Non siamo mica i Ligresti...

Nessun commento:

Posta un commento

Stiamo aspettando le tue considerazioni, i tuoi consigli, le tue proposte: scrivici, o vieni ai nostri incontri!

Ente Moscon News

Dopo un lungo periodo di calma, sembra che il vecchio CDA abbia dato un colpo di coda,  indicando al”NUOVO” il percorso da fare. Natur...