venerdì 31 maggio 2013

Risposta all'art. Su Rodotá

Dal Blog



toto_fesso.jpg

Non credo di aver offeso il professor Rodotà, le parole "ottuagenario miracolato dalla Rete" le ha dette lui stesso in una telefonata con me. Rodotà appartiene alla sinistra, è stato presidente del Pds, poi messo in un angolo come un ferrovecchio dall'attuale dirigenza pdmenoellina che, a presidenziali aperte, non ha ritenuto di fargli neppure una telefonata, ma anzi gli ha chiesto il ritiro della candidatura attraverso sua figlia. Rodotà non è il presidente del M5S, ha un'altra storia politica, che coerentemente, mantiene. La sua onestà non è in dubbio e neppure la sua intelligenza. Non per questo posso assistere impassibile alla costruzione di un polo di sinistra che ha come obiettivo la divisione del M5S in cui lui si è posto, volente o nolente, informato o meno, come punto di riferimento. Il M5S non è nato per diventare il Soccorso Rosso di Vendola e Civati, di Delrio o di Crocetta. E' una forza popolare che è del tutto indifferente alle sirene della sinistra e della destra che in realtà sono la faccia della stessa medaglia. Assistiamo all'assurdo di un governo che vuole combattere l'evasione fiscale sostenuto da Berlusconi, condannato in secondo grado per evasione fiscale. C'è poi un piccolo aspetto umano, certo in politica non c'è riconoscenza, né me la aspetto. Ma se il professor Rodotà aveva delle critiche da farmi forse poteva alzare il telefono, lo avrei ascoltato. Invece ha scelto il Corriere della Sera per una critica a tutto campo a pagina intera subito dopo le elezioni amministrative.

Franca Rame

 Dal Blog
Dario Fò Condivide con tutti questo meraviglioso testo:


di Dario Fo
"Franca ed io abbiamo scritto quasi sempre i testi del nostro teatro insieme. Io mi prendevo l’onere di mettere giù la trama quindi gliela illustravo e lei proponeva le varianti, spesso li recitavamo a soggetto, all’improvvisa, come si dice... Questo era il metodo preferito ma non sempre funzionava. Si discuteva anche ferocemente, si buttava tutto all’aria e si ricominciava da capo. In verità mi trovavo a dover riscrivere di nuovo il testo da solo. Poi lo si discuteva con più calma e si giungeva ad una versione che funzionasse e che andasse bene a tutt’e due.
Anche Franca è stata l’autrice unica di alcuni testi. Ci sono opere, come per esempio “Parliamo di donne”, che furono stese da lei completamente a mia insaputa. Quando mi ha dato da leggere questa commedia già ultimata sono rimasto un po’ perplesso... e seccato! Ma come ti permetti?!? No, scherzavo...
Io ho proposto qualche variante ma di fatto si trattava di un’opera del tutto personale.
Pochi lo sanno ma la gran parte degli spettacoli che trattavano di questioni prettamente femminili è stata Franca ad averli scritti, elaborati e poi li ha recitati al completo spesso anche da sola. E io mi sono trovato a collaborare solo per la messa in scena.
Vi dirò di più: testi quali Mistero Buffo e Morte Accidentale di un Anarchico - che io avevo realizzato come autore unico - hanno avuto grande successo anche all’estero con centinaia di allestimenti dall’America all’Oriente, per non parlare dell’Europa.
Ma dei nostri lavori quello che ha battuto tutti i record di messa in scena è Coppia Aperta, Quasi Spalancata che è stato replicato con diverse regie per più di 700 edizioni nel mondo. Ebbene l’autrice unica di questo testo è Franca. L’ho sempre tenuto nascosto!
C’è in particolare un lavoro o meglio, un monologo, che Franca ha recitato solo qualche volta quest’anno, e di cui bisogna che io vi parli perché è fortemente pertinente alla situazione a dir poco drammatica che io sto in questi giorni vivendo.
Da tempo Franca aveva scoperto l’esistenza di alcuni testi apocrifi dell’Antico Testamento nei quali la Genesi è raccontata in termini e linguaggio molto diversi da quelli cosiddetti canonici.
Attenti, non sto parlando dei Vangeli apocrifi, ma dell’Antico Testamento... Apocrifo!
Ebbene da uno di questi testi Franca ha tratto un racconto che vi voglio far conoscere, quasi in anteprima. Eccovelo!
Siamo nel Paradiso terrestre. Dio ha creato alberi, fiumi, foreste animali e anche l’uomo. O meglio il primo essere umano ad essere forgiato non è Adamo ma Eva, la femmina! Che viene al mondo non tratta dalla costola d’Adamo ma modellata dal Creatore in un’argilla fine e delicata. Un pezzo unico, poi le dà la vita e la parola. Il tutto “prima” di creare Adamo; tant’è che girando qua e là nel paradiso Eva si lamenta che... della sua razza si ritrovi ad essere l’unica, mentre tutti gli altri animali si trovano già accoppiati e addirittura in branco. Ma poi eccola incontrare finalmente il suo “maschio”, Adamo, che la guarda preoccupato e sospettoso. Eva vuol provocarlo e inizia intorno a lui una strana danza fatta di salti, capriole e grida da selvatica... quasi un gioco che Adamo non apprezza, anzi prova timore per come agisce quella creatura... al punto che fugge nella foresta a nascondersi e sparisce; ma viene il momento in cui il Creatore vuole parlare ad entrambe le sue creature, umane. Manda un Arcangelo a cercarli. Quello li trova e poi li accompagna dinnanzi a Dio in persona.
L’Eterno li osserva e poi si compiace: “Mica male! mi siete riusciti... E dire che non ero neanche in giornata... ! Voi non lo sapete perché ancora non ve l’ho detto ma entrambi siete i proprietari assoluti di questo Eden! E sta a voi decidere cosa farne e come viverci. Ecco la chiave. E gliela getta. Vedete, qui ci sono due alberi magnifici (e li indica), uno – quello di sinistra – dà frutti copiosi e dal sapore cangiante. Questi frutti, se li mangiate, faranno di voi due esseri eterni. Sì, mi rendo conto che ho pronunciato una parola che per voi non ha significato: eternità... Significa che avrete la stessa proprietà che hanno gli angeli e gli arcangeli, vivrete per sempre, appunto in eterno! A differenza degli altri animali non avrete prole, perché, essendo eterni, che interesse avreste di riprodurvi e generare uomini e donne come voi, della vostra razza? L’altro albero invece produce semplici mele, nutrienti e di buon sapore. Ma attenti a voi, non vi consiglio di cibarvene! E sapete perché? Perché non creano l’eternità... ma in compenso, devo essere sincero, grazie a loro scoprirete la conoscenza, la sapienza e anche il dubbio.
Ancora vi indurranno a creare a vostra volta strumenti di lavoro e perfino macchine come la ruota e il mulino a vento e ad acqua. No, non ho tempo di spiegarvi come si faccia, arrangiatevi da voi. ... tutto quello che scoprirete; e ancora queste mele, mangiandole, vi produrranno il desiderio di abbracciarvi l’un l’altro e di amarvi... non solo, ma grazie a quell’amplesso, vi riuscirà di far nascere nuove creature come voi e popolare questo mondo. Però attenti, alla fine ognuno di voi morirà e tornerà ad essere polvere e fango. Gli stessi da cui siete nati.
Pensateci con calma, mi darete la risposta fra qualche giorno. Addio.

No. Non c’è bisogno di attendere, Padre Nostro! – grida subito Eva – Per quanto mi riguarda io ho già deciso, personalmente scelgo il secondo albero, quello delle mele. S devo essere sincera, Dio non offenderti, a me dell’eternità non interessa più di tanto, invece l’idea di conoscere, sapere, aver dubbi, mi gusta assai! Non parliamo poi del fatto di potermi abbracciare a questo maschio che mi hai regalato. Mi piace!!! Da subito ho sentito il suo richiamo e mi è venuto un gran desiderio di cingermi, oh che bella parola ho scoperto cingermi!, cingermi con lui e farci... come si dice?! Ah, farci l’amore! So già che questo amplesso sarà la fine del mondo! E ti dirò che, appresso, il fatto che mi toccherà morire davanti a tutto quello che ci offri in cambio: la possibilità di scoprire e conoscere vivendo... mi va bene anche quello. Pur di avere conoscenza, coscienza, dubbi e provare amore... ben venga anche la morte!
Il Padreterno è deluso e irato quindi si rivolge ad Adamo e gli chiede con durezza: “E tu? ...che decisione avresti preso? Parlo con te, Adamo sveglia! Preferisci l’eterno o l’amore col principio e la fine?” E Adamo quasi sottovoce risponde: “ Ho qualche dubbio ma sono molto curioso di scoprire questo mistero dell’amore anche se poi c’è la fine"." Dario Fo

giovedì 30 maggio 2013

Sponsor dei politici

QUESTO FA' IL M5S!
Questo video và ascoltato con molta attenzione...

Mozione in Parlamento-Referendum





Oggi il MoVimento 5 Stelle ha presentato la mozione sulle riforme Costituzionali, così come è descritto qua sotto: voti a favore 103 (M5S da solo), contrari 476 (tutti gli altri, TUTTI PROPRIO TUTTI); adesso leggete il contenuto della mozione e pensate...ancora una volta ...se avete dato il voto a un partito:

- referendum popolare di indirizzo, nel quale i cittadini siano chiamati ad esprimersi sull’opportunità di modificare ed in quale modo la forma di Governo e di Stato, previa una campagna di informazione di 6 mesi;

- diritto di voto ai cittadini che abbiano compiuto, alla data dello svolgimento del referendum, sedici anni di età;
- riduzione del numero dei deputati e dei senatori;

- riduzione del numero dei consiglieri regionali;

- soppressione delle province;

- l’introduzione del referendum propositivo e consultivo senza quorum funzionale;

- l’eliminazione di ogni quorum funzionale per il referendum abrogativo;

- la fissazione del numero massimo di mandati elettorali a qualsiasi livello – pari a due – che ogni cittadino può essere chiamato a ricoprire;

- l’incandidabilità alla carica di deputato e senatore di coloro che sono stati condannati con sentenza definitiva oltre che di coloro che ricoprono contemporaneamente altri incarichi elettivi.

martedì 28 maggio 2013

Flop o non Flop?

Dal Blog Grillo
FACCIAMO UN PÒ DI CONTI:


RICAPITOLANDO
2008 Roma: PD voti 520.723
2008 Roma: PDL voti 559.559
2008 Roma: M5S voti 40.473

2013 Roma: PD voti 267.605 (-253.118)
2013 Roma: PDL voti 195.749 ( - 363.810)
2013 Roma: M5S voti 130.635 (+90.162)

2008 Siena: PD voti 11.723
2008 Siena: M5S voti 833

2013 Siena: PD voti 6.483 (-5.240)
2013 Siena: M5S voti 2.194 (+ 1.361)

2008 Ancona PD: 15.885
2008 Ancona PDL: 17.432
2008 Ancona M5S: 2.625

2013 Ancona PD: 10.652 (-5.233)
2013 Ancona PDL: 4.266 (-13.166)
2013 Ancona M5S: 5.711 (+ 3.086)

2008 Avellino PD: 10.324
2008 Avellino PDL: 5.043
2008 Avellino M5S: 0

2013 Avellino PD: 6.845 (- 3.479)
2013 Avellino PDL: 2.513 (- 2.530)
2013 Avellino M5S: 1.054 (+ 1.054)

 LA CONGIURA:
Giornalisti corrotti, opinionisti in malafede e conduttori servi dei partiti continuano a massacrare il M5S. 

lunedì 27 maggio 2013

PENSIERI a 5 STELLE

dal blog di Beppe Grillo



"Buongiorno onorevole, buongiorno senatore..." mi sento dire ogni giorno quando arrivo al lavoro. Ancora adesso, a volte, dopo quasi tre mesi mi giro indietro, magari il saluto è rivolto a qualcun altro. No, sono io l'onorevole, il senatore. Ormai ci ho fatto l'abitudine, saluto, sorrido e vado avanti. Per i palazzi dove siamo entrati, Montecitorio e Palazzo Madama, in tanti, tantissimi, siamo quelli nuovi, i "grillini", i ragazzini, "dilettanti allo sbaraglio senza proposte" ( Marina Berlusconi e his father dixit), quelli su cui fare "scouting" (cit. Bersani).
Mi aspetta la commissione, l'emendamento da studiare con i miei colleghi, l'intervento in aula, il disegno di legge da presentare, l'interpellanza urgente sull'ennesimo disastro. E poi l'incontro con il sindacato, con Confidustria, con gli esodati. I primi a farsi avanti come cavallette sono i giornalisti. La mattina ti sorridono sempre. Prendo fiato e li affronto. Racconto di quello che abbiamo fatto, spiego, mi accaloro, sono felice di vedere che nonostante siamo al 57° posto nella classifica mondiale della Libertà di stampa, ci sono giornalisti che vogliono sapere. Per un attimo mi dimentico che da mesi quasi tutti i giornali non pubblicano una riga sui nostri lavori, ma solo gossip, retroscena, se non vere e proprie falsità. Ormai so che serve a poco parlare con loro. L'indomani del mio, del nostro lavoro, non si parlerà nei loro articoli. Ma guai a snobbarli, sono una delle caste del Palazzo. E nel Palazzo poi ci sono le regole, la burocrazia con cui bisogna fare i conti. A volte ci sentiamo soli. Come quelle persone normali, con vite normali, con sogni normali, che improvvisamente vengono invitate alla feste del Re e devono sottostare ai precetti. Ma questo non è il palazzo del Re, non è la Città proibita, è il Parlamento. Ma visto da dentro, questo Palazzo fa paura. E io, noi, non ci possiamo permettere di avere paura.
"Buongiorno, buongiorno...". E' il refrain che mi avvolge mentre navigo nei corridoi. Sono i miei "colleghi", quelli "eletti" dalle segreterie dei partiti, dalle lobby, dai comitati d'affari, dal gossip televisivo. Mi chiedo, "e noi cosa siamo?". Una setta, burattini nelle mani di Beppe e Gianroberto, semplici comparse a cui sono stati affidati i sogni e la rabbia di milioni di persone? Siamo uomini e donne liberi, quelli che sentono ancora il profumo della vita, quelli che tengono ancora gli occhi grandi sbarrati quando tutte le mattine vediamo i volti degli intoccabili. Da tre mesi, come ha detto Alessandro Di Battista, vediamo tutte le mattine "la mafia in faccia", quella che non spara, che non ha pallottole ma usa la legge, l'emendamento, il regolamento, l'articolo di giornale o la comparsata in tv per dire ai sudditi, "questo è il nostro paese e ci facciamo quello che vogliamo". Lo fanno da sempre. Ma adesso hanno paura. Sanno che non siamo come loro. Siamo quelli che vigilano, controllano e che sono pronti a votare le buone idee, di chiunque siano. E magari ce ne proponessero una. Ma non ci facciamo prendere in giro. Non ci prendete in giro, questo è un consiglio. Smettetela di raccontarci che l'antiberlusconismo esiste ancora. Non esistono più soldatini blu e soldatini rossi, ora sono tutti grigi: votano le stesse cose, dicono le stesse bugie, e hanno lo stesso odore, quello che si sente nelle camere di obitorio, davanti ai morti.
Questa politica non proporrà una legge elettorale per i cittadini, non abolirà le province, non abolirà il finanziamento pubblico ai partiti e tantomeno ai giornali, non proporrà il reddito di cittadinanza e non investirà sulla scuola pubblica e sulle imprese. Ne parlano, ne blaterano tutti i giorni. Ma sono annunci, solo spot che devono fare. Ne parlano perché nel Palazzo sono entrati i cittadini.
Lo faremo noi, noi, quelli che sono considerati impreparati, ignoranti e stupidi. Noi, con la forza della rete, con la forza delle persone oneste. Faremo più in fretta possibile.
Ci riusciamo, perché non siamo soli. Ma voi non lasciateci soli."

>>>>>>>>>>>>>>>><<<<<<<<<<<<<<<<<<<<
PENSIERI A 5 STELLE DALLA RETE...il dopo voto...
"Diciamolo chiaramente è stato un flop, anche preventivato e preventivabile ma non in queste dimensioni. In ogni competizione elettorale precedente il risultato nazionale è sempre stato migliore di quello regionale o comunale, ma questo non spiega tutto. E’ evidente che non ci siamo fatti capire, gridare contro la “casta”, con il supporto di Beppe ,e la spinta dei media, è molto più facile che mettere in luce tutte le porcate che quotidianamente il sistema dei partiti, nei territori, mette in atto alle spalle dei cittadini. Penso alla voglia di delegare tutto ,ad enti di secondo livello, lontani da qualsiasi controllo elettivo, alla concessione in via privatistica di tutti quei servizi infungibili quali acqua, rifiuti, trasporti locali ,naturalmente in regime di monopolio. Rendersi credibili all’amministrazione di un territorio, come complessità, lo è ancora di più. Siamo ricchissimi di proposte ma purtroppo non siamo stati bravi a spiegarle, l’elettorato ci ha identificato esclusivamente come protesta In questo momento dovevamo dare anche prospettive. Oggi abbiamo perso una battaglia, ma la guerra è ancora lunga. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?) NOI NEPPURE!"
 
"Sconfitta di chi?Credo che l'unico sconfitto di questa tornata elettorale sia solamente il popolo,il popolo italiano,un popolo che prima piange sulla propria disfatta e poi rincorre coloro che disfatta portarono.Il popolo che prima piange le sue vittime sacrificali e poi con una matita mistifica qualsiasi sia stata una lacrima versata.Un popolo che in passato fu simbolo ed espressione dei più grandi artisti,dei più grandi inventori e delle più grandi civiltà della storia,un popolo che oggi........forse è un popolo di bimbiminchia viziati da questo sistema contorto di clientelismo politico e delle lobbies del Dio denaro,figli del capitalismo più sfrenato.Chi è causa del suo mal pianga sé stesso."
 Pensieri dalla rete(Facebook e Blog)
 
 
 
 

Fatto!

venerdì 24 maggio 2013

La settimana dei Nostri Parlamentari


EROGATORE ACQUA POTABILE e/o REFRIGERATA

il Comune di Saonara, dopo aver preso in considerazione la nostra richiesta sulle casette dell'acqua fatta in settembre, ha fatto uno studio che ha portato a questa delibera ,di cui siamo molto soddisfatti!


RINGRAZIAMO!


Diritti acquisiti

Dal Blog di Beppe Grillo



Il diritto acquisito è sacro solo per chi ha più diritti degli altri. Altrimenti può tranquillamente decadere. Per gli esodati il diritto acquisito c'era una volta, con tanto di impegni firmati dalle aziende e dallo Stato, e all'improvviso non c'era più. Per gli ex parlamentari che incassano il vitalizio, come Scalfari o Veltroni, il diritto acquisito è inamovibile "il partito me lo ha dato e guai a chi me lo tocca". Chi doveva andare in pensione a 60 anni per diritto acquisito ci andrà a 68 anni, chi ha tre pensioni va alle Maldive a dicembre per diritto acquisito. Chi ha il diritto acquisito alla pensione minima però lo mantiene anche se muore di fame, e questo è democratico. Amato mantiene il diritto acquisito a 32.000 euro di pensione al mese, il minimo per un uomo della sua levatura craxiana. Chi viene licenziato per il fallimento dell'azienda perde quasi sempre il diritto acquisito alla liquidazione, i parlamentari di pdl e pdmenoelle che hanno fatto fallire lo Stato mantengono comunque il diritto acquisito a un assegno di circa 150.000 euro direinserimento nella società a fine mandato. C'è diritto acquisito e diritto acquisito. Chi ha una pensione superiore a 10.000 euro al mese e chi non l'avrà mai. Chi ha la scorta, un diritto acquisito dai politici più amati dagli italiani, e giudici anti mafia a cui viene tolta. Il diritto acquisito è lo Scudo Fiscale del 5% sul rientro di capitali frutto dell'evasione dall'estero e una tassazione del 70% sulle imprese che dichiarano tutto al fisco. I giovani hanno il diritto acquisito al lavoro, ma solo se emigrano all'estero, 500.000 persone in Italia hanno invece il diritto acquisto di vivere di politica con le nostre tasse. I burocrati di Stato hanno il diritto acquisito di essere inamovibili, oltre che a paralizzare lo sviluppo del Paese, gli imprenditori che falliscono hanno il diritto acquisito di suicidarsi. Nessuno li rimprovererà per questo. Chi non riesce più a pagare il mutuo della casa ha il diritto acquisito di essere messo in mezzo a una strada. I politici hanno il diritto acquisito di comprare nella grande Roma immobili a prezzi di realizzo.

Quando sentite discutere di "diritti acquisiti" state tranquilli, non riguardano mai i vostri, ma quelli di chi li ve li toglie e, ferocemente, si tiene i propri. Le iene divorano anche l'ultimo osso.

mercoledì 22 maggio 2013

Il Cittadino Senatore ENDRIZZI parla di Gioco D'Azzardo




VIDEO: GIOCO D'AZZARDO


"Ha destato scalpore la denuncia a Le Iene di un dipendente del Senato sull'azione di lobby in questo Parlamento. Non è difficile vedere il filo rosso che, in maniera legale, ma deleteria per il Paese, unisce politica e gioco d'azzardo. L'11 febbraio 2013, al Senato, Matteo Iori presidente del CONAGGA, che lotta contro questa patologia, ne denuciava gli intrecci. Lo stesso Iori il 7 maggio commentava in Rete: "Ben sette ministri (compreso il primo ministro (Enrico Letta, ndr) fanno parte di una fondazione che si chiama VeDrò finanziata anche da due multinazionali, Lottomatica e Sisal, Letta ricevette 15 mila euro di contributo da Porsia, titolare della Hbg, una delle più grandi aziende del gioco d'azzardo. Il nuovo Ministro Bray è anche direttore della rivista Italianieuropei, già sostenuta da importanti contratti pubblicitari con le industrie del gioco d’azzardo. Nel nuovo governo a chi andrà la delega ai giochi d’azzardo? Sarà forse casualmente scelto il nuovo sottosegretario Alberto Giorgetti? Giorgetti non sarebbe nuovo alla delega ai giochi, la tenne per anni sotto il governo Berlusconi, con grande piacere dell’industria del gioco." conclude Iori. Dal dossier del Conagga e inchieste giornalistiche si apprende che Snai ha finanziato regolarmente: Gianni Alemanno, Margherita, UDC, DS, MPA e Gianni Cupèrlo Pd. Compaiono ex politici e loro parenti entrati nel business. Cito rapidamente: Augusto Fantozzi, presidente SISAL, Vincenzo Scotti, che lanciò "Formula Bingo" insieme a Luciano Consoli, uomo di fiducia di D’Alema. Francesco Tolotti - dell’Ulivo - che con Nannicini, Vannucci, Salerno e Gioacchino Alfano, nel 2007 riuscì a far modificare il Testo Unico che regola le slot machine. Ricordiamo l'onorevole Laboccetta. E poi Massimo Ponzellini e Antonio Cannalire, proprietario della Jackpot Game che a Milano gestiva sale da gioco d’azzardo insieme alla Finanziaria Cinema, di proprietà di Marco Jacopo Dell’Utri, figlio di Marcello Dell’Utri. Si ricorda, il governo Berlusconi che liberalizzò i giochi d’azzardo on-line. Casualmente, ma solo casualmente, qualche giorno prima la Mondadori acquisì il controllo del 70% di Glaming, che opera nel gioco d’azzardo on-line. Non possiamo omettere Pellegrino Mastella, figlio di Clemente Mastella, che attraverso SGAI e Betting 2000 dei fratelli Renato e Massimo Grasso avviò altre aziende di gioco, fra queste King Slot e Wozzup, poi indagate per gravissimi reati. Distinti colleghi, sono certo che la stragrande maggioranza di voi non ha alcun legame di lobby e condivide l'urgenza di una stretta normativa contro slot machines e giochi online che lucrano su gravissimi danni per cittadini, famiglie, e per i loro figli. Il Movimento 5 Stelle attende dal Governo, nei fatti, la coerenza di cui oggi è politicamente legittimo dubitare".Giovanni Endrizzi, M5S Senato

martedì 21 maggio 2013

Risposta a " REPORT"

Credo che tutti gli attivisti del M5S siano rimasti a bocca aperta dallo stupore per le affermazioni fatte durante il programma Report, ormai da tutti considerato come l'unico che dá spazio a temi scomodi e scottanti..ma stavolta ci sentiamo di restare perplessi e increduli e non ci rispecchiamo nell'immagine che è stata mostrata ..
Ma andiamo avanti..!

Dal blog di Beppe Grillo
E ancora

Un report per Report

m5s_parlamento.jpg

"Oggi sarà consegnata alla redazione di “Report” la raccolta completa di tutte le attività parlamentari svolte finora dai deputati del MoVimento 5 Stelle. Una chiara risposta all’assunto di Milena Gabanelli secondo cui il M5S si sarebbe occupato solo di “scontrini” e non dei “tre milioni di disoccupati” italiani: è la stampa che si è occupata di ricevute, ignorando i disoccupati e tutti coloro che in questo momento soffrono per la profonda crisi culturale, sociale ed economica che attraversa il Paese. Per i parlamentari, i loro assistenti e tutto il personale che lavora per il MoVimento 5 Stelle ma, soprattutto, al servizio dell’Italia, la consegna del “report” mette la parola fine a questi primi 66 giorni di “assedio”. Lasso di tempo denso di avvenimenti e colpi di scena che sono, però, serviti solo a inquinare ulteriormente il già precario quadro politico. In questo periodo si è anche manifestata una nuova moda mediatica, la “caccia al grillino”, mentre i partiti politici hanno continuato comodamente a replicare quegli stessi comportamenti che avevano stigmatizzato in campagna elettorale.
Si chiede, infine, a tutti di lasciare lavorare i deputati affinché adempiano al mandato conferitogli da quasi 9 milioni di cittadini italiani. E, per chi ancora ritenesse di voler proseguire nell’indagine sulle tasche dei deputati del M5S, non prendendosi la briga di compulsare altri parlamentari in merito alle loro spese, ricapitoliamo quanto fino a ora il MoVimento 5 Stelle ha fatto risparmiare allo Stato italiano:
Rinuncia rimborsi elettorali: 42 milioni di euro
Rinuncia indennità fine mandato: 1,62 milioni di euro
Rinuncia della metà degli emolumenti: 5 milioni di euro
Rinuncia indennità di carica: 155 mila euro
Rinuncia alle spese generali aggiuntive: 3,5 milioni di euro." M5S Camera

L'INFORMAZIONE 5 Stelle direttamente dal Parlamento



un video riassunto della settimana 5 Stelle in Parlamento
http://www.youtube.com/watch?v=bW3tSgEXUPo


i video della settimana 5 Stelle in Parlamento




venerdì 17 maggio 2013

PARLAMENTARI M5S

ATTIVITA' DI QUESTA SETTIMANA




 

Telelepass-thon: la maratona per aiutare le autostrade a fare profitto!

La società CAV che gestisce Passante e autostrada PD-VE è ormai allo sbando!!
I debiti incombono, le banche sono alle calcagna più affamate delle iene, intanto gli appalti lievitano come pagnotte, la crisi avanza e il traffico cala…ora ci si mette anche la magistratura che dopo lo scandalo Mantovani sta per bussare alle porte del Passante…
Li abbiamo visti: i dirigenti non sanno come sbarcare il lunario, i consiglieri di amministrazione di PDL, Lega e PD non dormono più di notte e sono segnati da occhiaie nere. Perfino i Sindaci sono basiti.
Ce lo hanno detto con le lacrime agli occhi in stile Foriero che la “strada” è segnata: ci vogliono ancora sacrifici…non resta che aumentare le tariffe da giugno per farle diventare le più alte d’Italia, e pagare un altro obolo alla Cassa Depositi e Prestiti affinché sganci un altro po’ di quattrini dei correntisti postali.

Ma te ce l’hai ancora qualche spicciolo? Ti avanza un po' di asfalto? Sai fare le righe dritte? Puoi ospitare un casello in giardino?  Aiuta anche tu... facciamo sentire la nostra “solidarietà”.

SABATO 18 MAGGIO
MANIFESTAZIONE
DI FRONTE ALLA SEDE CAV

Appuntamento ore 09.30 in Via Bottenigo, 64/A 30175 – Marghera
(vicino alla barriera di Villabona: si entra dalla prima strada a dx dopo aver imboccato la SS309 direzione Ravenna
)<<<<<>>>>>> Si usa l’ironia nel volantino del Comitato Opzione Zero che annuncia la manifestazione di fronte alla sede della CAV per sabato 18 maggio alle ore 9.30, ma c’è poco da scherzare: la CAV è una società ormai allo sbando che rischia di provocare una voragine nei conti dei suoi soci ANAS e Regione Veneto.

Basta guardare al bilancio 2012 approvato dalla Giunta regionale il 16 aprile scorso(ma non ancora pubblicato nel sito ufficiale): i dati consuntivi del 2012 mostrano un vero e proprio crollo del traffico sulla rete gestita da CAV di circa –7,5%, che fa il paio con un –7,2% di ricavo da pedaggi e una contrazione dell’utile da 17,1 milioni del 2011 a 4,3 milioni del 2012. A fronte di questa situazione nel bilancio si legge che CAV dovrà reperire risorse per oltre 1 miliardo di euro per ripagare i debiti con ANAS, e per farlo andrà a contrarre un mutuo con Cassa Depositi e Prestiti per 423,5 milioni di euro, con tassi di interesse di mercato.

E’ chiaro dunque che l’operazione di uniformare le tariffe sulla tratta Padova-Mestre più che per risolvere il problema del tornello di Vetrego, è stata pensata per scaricare ancora una volta i costi del debito sugli utenti.

Ma per Opzione Zero la questione è ancora più grave perché da questi dati si capisce come questo debito non potrà mai essere ripagato, nemmeno raddoppiando le attuali tariffe. Il meccanismo perverso di fare debiti su debiti prima o dopo esploderà con gravissime ripercussioni sui bilanci dei due soci pubblici di CAV: ANAS e Regione del Veneto.

Insomma il Passante diventa oggi l’esempio eclatante di quelle che i comitati ormai definiscono come “Grandi opere inutili e imposte” realizzate in project financing: dei veri e propri buchi neri in grado di prosciugare le tasche dei cittadini e le risorse per i servizi essenziali.

Una manifestazione doppiamente importante quella lanciata da Opzione Zero perchè oltre a reclamare il rispetto degli accordi sul Passante (arretramento della barriera da Villabona a Dolo) e il blocco dell’aumento delle tariffe,vuole denunciare l’irresponsabilità e i rischi della gestione finanziaria di CAV.Non è casuale nemmeno la data del 18 maggio, visto che in tutta Italia in quei giorni è indetta una mobilitazione dai movimenti che si battono per una “nuova finanza pubblica e sociale”,affinché la Cassa Depositi e Prestiti torni ad essere un ente completamente pubblico a servizio del bene comune e non delle banche.
 www.opzionezero.org  info@opzionezero.org

mercoledì 15 maggio 2013

PROJET FINANCING:COS'E'...

M5S A CONSELVE !
CITTADINI! Se volete capire quello che succede intorno a VOI,bisogna INFORMARSI
Con il Projet financing costruiranno l'ospedale di Padova, come già fatto per quello di Mestre con i risultati che già si conoscono...-art. la Nuova
VI ASPETTIAMO

venerdì 10 maggio 2013

INFORMIAMOCI




Alessandro Di Battista ha condiviso un link.
9 maggio 2013-nei pressi di Roma

Diaria, diaria, diaria....ma vi rendete conto? Ma chi fa quello che facciamo noi? Dove sono i Partiti che in campagna elettorale fanno manifesti sull'abolizione dei finanziamenti pubblici? Perche' si parla di questo e non del lavoro che stiamo facendo sul reddito di cittadinanza? Ragazzi cercatevi le informazioni da soli perche' ci arriva una visione distorta della realta'. Un cittadino informato e' una garanzia per i nostri figli.

http://www.youtube.com/watch?v=yr0PE2VewTg

VIDEO 5 Stelle in Parlamento




Incontro con Rodotà e i parlamentari M5S-Video da vedere!


 Intervento di Catalfo (M5S) in aula per REDDITO di CITTADINANZA=video

Intervento di Romani (M5S) in aula sulla SANITA'=video

Biciclettata a 5 Stelle

Ore 16:00 in bici - ritrovo Prato della Valle per giungere a Piazza dei Signori. I Gruppi Locali e i Candidati Sindaci per le elezioni di maggio del Movimento Cinque Stelle incontrano i cittadini. Un'occasione per conoscerli e per comprendere quale sia la loro idea di Comune a Cinque Stelle.









Piazza dei Signori35139 Padova, Italy




domenica 5 maggio 2013

Vivere per vivere

Intervento di Valerio Gennaro, medico epidemiologo
gennaro-salute.jpg 
"Buongiorno a tutti, sono Valerio Gennaro, sono un medico ricercatore epidemiologo, lavoro a Genova in un ente pubblico, sulla ricerca sul cancro e sono anche referente per i medici per l’ambiente e medicina democratica.
Ringrazio il Blog di Grillo per questa possibilità di aggiornamento dei dati che avevamo già presentato circa un anno e mezzo fa. I dati Eurostat che riguardano la salute degli italiani. Rispetto a quanto avevamo già detto nel dicembre del 2011 la situazione purtroppo è confermata, quindi l’Italia ha avuto una riduzione del periodo di vita sano medio nella popolazione, in particolare nel grafico che vedete si parla della popolazione femminile: è una stima della quantità di anni sani che una bambina che nasce nel 2004 rispetto al 2011 si può aspettare di avere rispetto agli altri paesi. Si partiva nel 2004 con circa 71 anni, l’età in cui si iniziava a diventare disabili. Oggi tra alti e bassi si mantiene, dopo il crollo avvenuto nel 2005, 2006 e 2007, intorno ai 62 anni, quindi c’è stata una perdita di 8 anni di vita sana. Questo significa che c’è un’anticipazione della malattia e della disabilità, quindi, nella popolazione femminile italiana. C’è una riduzione del periodo di salute.
Perché ritengo che sia importante parlare di questa cosa? Perché si parla sempre dell’aspettativa di vita complessiva, cioè l’età media di morte, che in Italia è oggettivamente un dato positivo, siamo tra i paesi migliori in Europa, però viene regolarmente omesso questo dato sull’accorciamento della vita sana. C’è da chiedersi perché succeda e perché venga omesso soprattutto.
La situazione in Italia non è così rosea come vogliono farci credere e soprattutto se noi continuiamo a non discutere, a non presentare, a non valutare questi dati non potremo mai seriamente decidere e studiare le soluzioni, che sono vendite anche economiche, sociali e quanto altro.
Questo dato lo stiamo omettendo dal 2003, quindi da 10 anni, ma è un dato percepito dalla popolazione, cioè che ci sono problemi di salute gravi e sono tacitati, oscurati, sono tenuti nella privacy di ciascuno, ma è un fatto collettivo. Sull’antidepressivo un problema gravissimo: si è passati da 7 o 8 confezioni di antidepressivo al giorno ogni mille abitanti a 36 confezioni di antidepressivo ogni mille abitanti. Un dato devastante. Un cambiamento epocale, proprio nella struttura sanitaria, e anche nell’equilibrio che ci può essere in una persona e ci vorrebbe un grande sforzo epidemiologico per studiare le cause di questa situazione. Bisogna dare una spiegazione opposta a quella che viene data regolarmente. La crisi produce malattia, ma qui siamo di fronte in realtà a una malattia che aveva già percepito la crisi. Adesso siamo in piena crisi, e questo boom di crisi percepita, che adesso è reale, si ripercuote in danni alla salute anche dal punto di vista psicologico, psichiatrico, neurologico, cardiovascolare e altro.
Ritornando al dato Eurostat, è importante imparare a fare la somma, vedere la dimensione globale del problema. Per quanto riguarda la salute la Germania sta molto peggio di noi. In Germania mediamente si ammalano, le donne in questo caso, tre o quattro anni prima rispetto alle donne italiane o alla media europea. Quindi non è affatto un buon modello. Sarebbe da chiedersi se sono problemi ambientali, se sono problemi sociali, dietetici, economici e quanto altro. Omettere questa informazione, questo referto, io direi così, epidemiologico, fa sì che poi ci siano grandi problemi nella possibilità di correggere e di risolvere i problemi collettivi.
La salute è la grande opera su cui lavorare, perché è un bene comune, perché è un bene veramente essenziale. Io confido molto in questa crescita dal basso, della nuova lista delle cose da fare e delle grandi opere da mettere in cantiere. Ci sono Paesi che, a parità di periodo di crisi, cioè dal 2004 al 2012, in realtà hanno più salute. Tra questi non c’è la Germania ma c’è la Svezia e altri paesi, che stanno crescendo di anno in anno. Quindi vuole dire che si può imparare, ci sono dei buoni esempi da seguire e quindi c’è soltanto da mettersi a lavorare seriamente sulle cose che riguardano veramente il bene pubblico. Anche individuare le cause di questo disastro potrebbe essere uno degli obiettivi. Sono abbastanza ottimista. Penso che, se non lo oscuriamo, nello spazio di qualche mese la diagnosi la facciamo e possiamo agire immediatamente nello spazio di qualche anno massimo e invertire questa tendenza e far riprendere la qualità della vita in Italia." Valerio Gennaro

Vivere per vivere 

Certificato penale




COMUNICATO STAMPA
Trasparenza nelle commissioni
Parlamentari M5s chiedono il certificato penale


ROMA – Trasparenza nella composizione delle commissioni parlamentari.
La chiedono deputati e senatori del MoVimento 5 Stelle, pretendendo
che presidenti, vicepresidenti e segretari nominati dai partiti
presentino pubblicamente i loro certificati penali e dimostrino di non
avere alcun conflitto d’interesse – neanche allo stato potenziale –
negli ambiti d’azione delle commissioni a cui parteciperanno. Lo si
deve al Paese, stanco di assistere alla solita, mortificante,
spartizione delle poltrone, e ancora in attesa di un primo,
sostanziale, segnale di cambiamento.

“I presidenti delle commissioni devono garantire uno svolgimento dei
lavori parlamentari corretto e responsabile, onesto e trasparente”
dichiarano i capigruppo del M5S alla Camera e al Senato, Roberta
Lombardi e Vito Crimi. “Devono assicurare che le proposte di legge
siano calendarizzate nel rispetto delle opposizioni – aggiungono -
senza dare precedenza, sempre e comunque, alle proposte del governo.
Devono infine sostenere la trasparenza dei lavori, il rispetto dei
tempi, delle persone e del Parlamento prima che del Governo.
Presidenti, vice e segretari delle commissioni – concludono - devono
avere un’attitudine alla garanzia e alla responsabilità, non avere
precedenti penali né conflitti d’interesse e dimostrare capacità di
essere ‘terzi’ e non di parte”.

Movimento 5 stelle Camera e Senato

Cosa dicono di Grillo e del M5S all'estero

Art. su Grillo


grillo beppe foto 7
La stampa internazionale continua a seguire con grande interesse le vicende politiche di casa nostra e in particolare il clamoroso risultato del Movimento 5 Stelle. Anche il settimanale tedesco Der Spigel – diventato famosissimo anche da noi a cavallo tra i governi Berlusconi e Monti – dà ampio spazio all’Italia. Non lo fa per attaccare Beppe Grillo (nella foto), ma al contrario per evidenziare come il successo del M5S sia un segnale positivo. Per molte ragioni.

Nell’articolo appena apparso su Der Spiegel e scritto da Wolfgang Munchau, il comico genovese viene presentato come un vero “democratico”, che nulla ha a che vedere con fascismo o nazismo, come molti editorialisti italiani sostengono. Non solo: “Grillo non è di destra, al contrario degli euroscettici tedeschi, dominati dai nazionalisti”.
Munchau afferma che il blogger è tutt’altro che un dilettante allo sbaraglio, ma che anzi si fa consigliare da Nobel per l’Economia. Proprio il leader del M5S sarebbe il vero oppositore di Angela Merkel, teorica dell’austerità senza se e senza ma:
“Grillo sarà supportato da economisti rispettati. Il Nobel Paul Krugman ha già dialogato in video con Grillo. Il premio Nobel Joseph Stiglitz lo consiglia sui temi economici insieme all’economista francese Jean Paul Fitoussi. Il M5S di Grillo non è una versione sovradimensionata dei Pirati o dei Freie Wähler. I suoi elettori arrivano principalmente dalla sinistra. Grillo rappresenta la protesta contro un establishment che ha somministrato al paese una ricetta economica sbagliata: politicamente non sostenibile e che economicamente non funziona. Grillo è indirettamente il vero capo dell’opposizione in Germania – perché alla fine è stata la politica di Angela Merkel ad aver imposto all’Europa questo riequilibrio asimmetrico”.

Continua a leggere alla pagina successiva: 1 2


sabato 4 maggio 2013

SEGUITECI SU FACEBOOK

IL GRUPPO   MOVIMENTO5STELLE SAONARA

LO TROVATE SU FACEBOOK
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
TROVATE ANCHE

OMERO BADON ....

MARINO DALLA PRIA ....

MIRCO CESARO ....

MARZOLLO MARCELLA...

MICHELANGELO SAVIOLO....


Il mondo 5 stelle è in rete!
 Noi nel nostro piccolo facciamo informazione con il nostro Blog..
Ia nostra informazione è con i banchetti ..
i volantinaggi quando si riesce a trovare il tempo x farlo, visto che siamo tutti cittatini come voi e quello che facciamo lo togliamo al nostro tempo della nostra vita privata!

Unitevi alle nostre pagine facebook, chiedeteci l' amicizia...FACCIAMO RETE IN QUESTA SAONARA CHE HA BISOGNO DI CONDIVIDERE LE INFORMAZIONI SUI PROBLEMI LOCALI E SU COME CERCARE SOLUZIONI!
Vi aspettiamo!

Ente Moscon News

Dopo un lungo periodo di calma, sembra che il vecchio CDA abbia dato un colpo di coda,  indicando al”NUOVO” il percorso da fare. Natur...