venerdì 29 marzo 2013

Rifiuti zero, depositata la legge di iniziativa popolare



legge popolare rifiuti zero

È stata depositata in Corte di Cassazione una proposta di Legge di Iniziativa Popolare Rifiuti Zero
Solo pochi giorni fa, l'Unione Europea ci ha bacchettato e deferito alla Corte di Giustizia per come stiamo gestendo l'emergenza rifiuti nel Lazio. Fortunatamente qualcosa e qualcuno, dopo questa "tirata d'orecchie" già si è mosso, visto che non solo il Lazio ha problemi seri in tema ambientale. Il 27 marzo è stata infatti depositata in Corte di Cassazione una proposta di Legge di Iniziativa Popolare Rifiuti Zero da 14 cittadini rappresentanti di realtà sociali promotrici e dai coordinatori regionali della Campagna di raccolta firme.
La normativa in materia parla di 50 mila firme necessarie affinché la legge possa essere presentata ma i proponenti mirano a raccoglierne almeno il doppio, contando su una realtà associativa locale capillare, sparsa in tutta Italia (14 coordinamenti regionali già operativi e 6 quelli in via di costituzione).
La legge che i promotori vogliono che passi mira ad una reale riforma di tutto il sistema della raccolta e smaltimento rifiuti e si basa su 5 parole d'ordine fondamentali: sostenibilità, ambiente, salute, partecipazione e lavoro. Quest'ultima parola il comitato non l'ha scelta a caso. La raccolta differenziata porta a porta sarebbe infatti secondo il loro punto di vista, l'unica opera utile per questo paese e che renderebbe disponibili posti di lavoro.
La macchina per la raccolta firme si metterà in moto subito dopo Pasqua in tutta Italia e avrà molto seguito in quei territori dove già si sta lottando contro discariche, inceneritori e gestioni dei rifiuti sbagliate. La fine della raccolta firme e la presentazione poi della Proposta di legge è prevista prima della pausa parlamentare estiva. M.M.

Rifiuti zero, depositata la legge di iniziativa popolare

Nessun commento:

Posta un commento

Stiamo aspettando le tue considerazioni, i tuoi consigli, le tue proposte: scrivici, o vieni ai nostri incontri!

Ente Moscon News

Dopo un lungo periodo di calma, sembra che il vecchio CDA abbia dato un colpo di coda,  indicando al”NUOVO” il percorso da fare. Natur...