giovedì 3 gennaio 2013

ENTE MOSCON: COSA SUCCEDE?




Con il testamento datato 19 Marzo 1945, il ns. illustre concittadino MOSCON GAZZA LUIGI FIDENZIO, in mancanza di figli, lasciò eredi di tutti i suoi beni mobili ed immobili la moglie ZAMBELLI VITTORIA e un Ente che avrebbe dovuto portare il suo nome "ENTE MOSCON" la cui amministrazione doveva essere affidata al capo della Chiesa ed al capo del Comune di Saonara. Alla moglie spettarono i beni mobili (ori-denaro-libretti di banca e titoli) e l'usufrutto dei beni immobili (terreni-costruzioni varie). Alla fondazione la proprietà degli immobili e le rispettive rendite; alla morte della Zambelli Vittoria l'ente Moscon sarebbe divenuto erede universale.
La volontà testamentaria aveva il chiaro intento di aiutare i bisognosi di Saonara. Finché la moglie era in vita l'Ente MOSCON poteva solo distribuire le rendite degli affitti nella seguente maniera: un terzo alla chiesa e due terzi da destinarsi ad opere di beneficenza.
Alla morte della Signora Zambelli avvenuta il 21 Aprile 2010 l'ente MOSCON diventa erede unico di tutto il patrimonio che con perizia del 10 Giugno 2011 ammonta a 
€  9.748.215 dato da: valore immobili € 9.098.215 disponibilità di cassa € 650.000
In data 28 Settembre 2009 una variazione allo statuto fatta dall'allora CdA dell'ente, aggiunge un quinto consigliere nominato dalla Curia. Entro il 2012 il consiglio di amministrazione, data la scadenza prevista dallo statuto,doveva essere rinnovato ma.. qui viene il bello! Il sindaco Stefan manifesta l'ipotesi di ripristinare lo statuto iniziale che prevedeva parità di consiglieri: 2 nominati dalla Chiesa e 2 dal Comune proponendo, inoltre, la non candidabilità dei precedenti componenti del CdA. A quanto pare la Chiesa di Saonara non  sembra essere d'accordo con le proposte del Sindaco.
Le parti (Chiesa e Comune) sono così distanti che il Sindaco minaccia di rimettere le proprie competenze in Regione ad un dirigente dei servizi sociali. Discutibile pare la scelta di demandare la gestione dell'ente ad un commissario regionale. Chiesa e Municipio hanno perfettamente chiare le necessità del territorio e non hanno bisogno che sia un esterno ad indicarle! Il rischio è che la gestione del patrimonio Moscon sia distante dal territorio.
Noi del Movimento 5 Stelle, ricordiamo a Comune e Chiesa di Saonara che NON sono i proprietari dell'Ente ma i soli amministratori e visto che non sono in grado di assolvere quanto a loro richiesto proponiamo di far decidere ai cittadini CHI e COME deve amministrare il LORO PATRIMONIO.


B.O.

Nessun commento:

Posta un commento

Stiamo aspettando le tue considerazioni, i tuoi consigli, le tue proposte: scrivici, o vieni ai nostri incontri!

Ente Moscon News

Dopo un lungo periodo di calma, sembra che il vecchio CDA abbia dato un colpo di coda,  indicando al”NUOVO” il percorso da fare. Natur...