giovedì 2 agosto 2012

Le smart grid alla prova della realtà

Le smart grid alla prova della realtà

 

 

Le smart grid - le reti intelligenti indispensabili per la transizione energetica - sono ormai uscite dalle università e stanno rapidamente diventando una realtà industriale in grado di accompagnare la crescita o il cambiamento della domanda di energia del Paese. Un'indagine sulla rete intelligente condotta tra gli operatori.
Le smart grid sono ormai uscite dal rango di applicazione ed eccellenza nelle università e stanno rapidamente diventando una realtà industriale in grado di accompagnare la crescita o il cambiamento della domanda di energia del Paese e contribuire significativamente alla riduzione dei consumi primari e quindi all’incremento dell’efficienza energetica. Diventa quindi utile e importante provare a guardare al tema partendo da un punto di vista più sistemico. I dati e le ricerche sulle smart grid sono state a oggi prevalentemente di carattere tecnologico, con l’obiettivo prioritario di definire gli scenari nei quali calare l’infrastruttura tecnologica in evoluzione. È però importante raccogliere anche informazioni sul mercato attuale e in fieri, e sulle aspettative che gli operatori del settore hanno del contesto energetico ed economico sottostante le smart grid.
Partendo da queste considerazioni è stata preparata un’indagine – elaborata nell’ambito di Smart Grids, un progetto strategico “PS_44” del Politecnico di Bari (www.smartgridproject.it) – basata su questionari rivolti a 41 operatori del settore della distribuzione elettrica e gas, che risultano, anche secondo le regole definite dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas, gli attori maggiormente coinvolti nella realizzazione dell’infrastruttura smart, ferma restando la consapevolezza che i benefici che deriveranno dalla sua realizzazione saranno spalmati sull’intera filiera energetica. Ciò che emerge è un deciso orientamento verso aspetti concreti dei progetti, con una marcata attenzione nei confronti dei fattori esterni che possono influenzarli quali, per esempio, gli orientamenti dei consumatori.
Il 28,2% dei soggetti intervistati dichiara di essere già stato coinvolto in un progetto inerente in qualche modo le smart grid, percentuale che copre abbondantemente i progetti già approvati dall’Autorità all’interno del piano di incentivazione. I progetti restano però prevalentemente in fase prototipale o di ricerca, solo il 27,3% risulta essere a un livello di maturità di mercato (Fig. 1).
Restringendo l’attenzione sul solo comparto elettrico, la percentuale degli operatori già coinvolti in progetti inerenti le smart grid scende al 21,2%, tutti in fase prevalentemente prototipale: nessun progetto elettrico risulta in fase di ricerca e solo due hanno già maturità di mercato, con l’evidente deduzione che la spinta iniziale - partita con l’installazione dei contatori smart - non ha ancora grande seguito.
Scontato l’interesse (oltre il 45%) per l’evoluzione tecnologica e l’identificazione in essa di uno dei driver principali per l’introduzione e l’evoluzione dell’infrastruttura smart nel Paese; un po’ meno – in realtà una gradita sorpresa, visti i trascorsi passati di anarchia metodologica – l’opinione ampiamente diffusa, oltre il 75% degli operatori la condivide, che il ruolo degli standard, e più precisamente l’introduzione di uno standard aperto e univoco di interoperabilità tra le varie tecnologie, sia un fattore chiave per lo sviluppo delle smart grid e dei servizi a esse collegati (Fig. 2). Resta da vedere poi se questo orientamento sia solo frutto di un auspicio generalizzato o si tradurrà in azioni concrete, come viene delineato per esempio dal progetto Open Meter o come auspicato anche dalla Comunità Europea, che con il mandato M/441ha chiesto agli organismi quali European Committee for Standardization (CEN), European Committee for Electrotechnical Standardization (CENELEC) ed European Telecommunications Standards Institute (ETSI) di definire una specifica con un’architettura aperta e protocolli di comunicazione per l’interoperabilità per gli smart meter e le smart grid.
In ogni caso, è ormai opinione condivisa che le smart grid siano irrinunciabili e che la loro introduzione sia solo questione di termini più o meno brevi: il 10,5% ritiene che l’implementazione sia necessaria subito e il 44,7% entro i prossimi 5 anni (Fig. 3). Peccato che ci si fermi all’opinione. Infatti, solo il 22,2% dei player ha già allocato un budget per progetti legati alle smart grid, e tra questi ben il 44,4% non ha allocato più di 100mila euro (decisamente pochi se si pensa che il SET Plan europeo stima in almeno 2 miliardi di euro l’investimento necessario per rendere smart le reti di distribuzione nei prossimi 10 anni, e la previsione di spesa europea in smart grid si aggira intorno a 5 miliardi annui), mentre solo 3 di loro hanno allocato budget superiori al milione di euro.
Sempre sul fronte investimenti c’è poi totale unanimità sulla richiesta di incentivi: l’87,5% degli operatori è convinto che un incentivo statale sia necessario per supportare gli investimenti richiesti a implementare l’infrastruttura, mentre solo il 2,5 ha risposto di no; tra le forme di incentivazione preferite risultano i contributi in conto capitale ed è molto interessante – soprattutto disaggregando per comparto e considerando solo quello elettrico – che la forma di incentivazione usata attualmente per gli investimenti in infrastrutture, ossia la remunerazione a tariffa concordata, abbia ricevuto solo l'11% delle preferenze (Fig. 4).
Dal punto di vista del mercato e della penetrazione, importanti sono le opinioni su eventuali ostacoli che, oltre a quelli tecnologici, vengono identificati prevalentemente in problemi normativi e legislativi mentre, in controtendenza rispetto alle opinioni espresse riguardo i finanziamenti, l’aspetto economico non è ritenuto un ostacolo rilevante. Ovvia conseguenza, la politica energetica nazionale è ritenuta inadeguata per affrontare l’introduzione delle smart grid in Italia.
È da notare tra l’altro la posizione dei distributori gas che mostra più di un dubbio riguardo a un ruolo attivo delle reti che trasportano il metano. Infatti, se quasi il 78% degli intervistati ritiene che lo smart metering nel gas sarà implementato entro i prossimi dieci anni, una buona parte di essi, oltre il 60%, non è in grado di dire (indecisione o soltanto diplomazia?) se lo smart metering delineato dalla delibera AEEG ARG/gas 155/08 sia qualcosa che effettivamente ha a che fare con le smart grid; e le cose certamente non migliorano se a questa buona parte di soggetti si somma un altro 21%, che rappresenta il valore di coloro che forniscono una risposta negativa.
A questo punto, non potevano mancare considerazioni riguardo ai consumatori – reali destinatari dell’infrastruttura – e all’ambiente. I primi possono in ultima analisi essere la chiave del successo delle smart grid (oltre il 63% degli intervistati) se si riesce a costruire un percorso di accettazione da parte loro della nuova infrastruttura; c’è però da aggiungere che c’è quasi unanimità (oltre l’83%) nel ritenere che i consumatori al momento non abbiano una precisa consapevolezza dei cambiamenti implicati dall’introduzione delle smart grid e dei vantaggi che possono derivarne, sia dal punto di vista tecnologico che – assai più importante – da quello dei servizi evoluti sottesi da una tale infrastruttura.
La causa sembra essere la sensazione che ci sia un ritardo e una carenza di informazione e coinvolgimento dei consumatori, con una conseguente scarsa divulgazione dei benefici – benefici che la stessa maggioranza di operatori però colloca sostanzialmente solo nel campo dei risparmi: riduzione dei consumi, bollette meno care e una sostanziale maggiore sicurezza dell’approvvigionamento. Pessimismo invece sulla disponibilità da parte dei consumatori a sopportare una maggiorazione della tariffa per ripagare gli investimenti necessari all’implementazione delle infrastrutture: oltre l’81% degli operatori ritiene che al momento sia difficile spiegare e giustificare eventuali aumenti delle bollette con i benefìci introdotti dalle smart

Nessun commento:

Posta un commento

Stiamo aspettando le tue considerazioni, i tuoi consigli, le tue proposte: scrivici, o vieni ai nostri incontri!

Ente Moscon News

Dopo un lungo periodo di calma, sembra che il vecchio CDA abbia dato un colpo di coda,  indicando al”NUOVO” il percorso da fare. Natur...