sabato 21 luglio 2012

PARMA IN CONSIGLIO,NO INCENERITORE..

INCENERITORE A PARMA
CONSIGLIO COMUNALE


L’astensione del gruppo PD segna una rottura con le idee di Bernazzoli, i comuni della provincia prendano coraggio. Il voto del consiglio comunale di Parma espresso ieri14/7  pone l’accento su proposte operative e alternative concrete su come superare l’inceneritore. Al di là delle rituali parole, l’astensione del gruppo dei consiglieri del Partito Democratico del Comune di Parma segna una rottura di fatto con le politiche vetuste di Bernazzoli che deve prendere atto di tutto ciò. Il mondo è cambiato. Seguano la volontà democratica dei cittadini del capoluogo. Siamo certi che tanti altri Comuni della provincia di Parma stanno iniziando a ripensare e capire che quel piano era ed è sbagliato. Lo stesso percorso si è fatto anche nella vicina Reggio Emilia dove il Comune capoluogo è riuscito a convincere gli altri Comuni che le alternative esistono ed ora la Provincia da strenua difensore dell’inceneritore fino a due anni fa ha cambiato radicalmente posizione. Per questo vorremmo riportare l’attenzione sulle proposte chiare indicate nella mozione. Proposte elaborate grazie a tecnici di valore nazionale ed internazionale che prendono spunto da quanto si sta realizzando anche nella vicina Reggio Emilia ed in altre realtà italiane che hanno superato l’incenerimento e la discarica impostando politiche Rifiuti Zero. I Comuni della provincia di Parma prendano coraggio adottiamo tutti le politiche Rifiuti Zero e scriviamo una pagina importante della storia del Mondo. Una pagina che è già nel futuro. LE PROPOSTE VOTATE IERI DAL CONSIGLIO COMUNALE DI PARMA (testualmente dalla mozione)Leggi tutte le mozioni

“ divieto d’incenerimento di tutti i materiali riciclabili e compostabili”.
Votato dal Parlameno Europeo in data 20 aprile 2012

Nessun commento:

Posta un commento

Stiamo aspettando le tue considerazioni, i tuoi consigli, le tue proposte: scrivici, o vieni ai nostri incontri!

Videosorveglianza cimiteri 2014>2018

MEGLIO TARDI CHE MAI, questo detto è sempre valido caro sindaco. Non so se qualcuno si ricorda che il 28 aprile del 2014, oltre 4 anni ...