giovedì 7 giugno 2018

Ente Moscon News


Dopo un lungo periodo di calma, sembra che il vecchio CDA abbia dato un colpo di coda, indicando al”NUOVO” il percorso da fare.
Naturalmente i destinatari del testamento saranno delusi, visto che gli anziani bisognosi non avranno una struttura necessaria e desiderata, non parlo degli anziani autosufficienti che si ritrovano per socializzare, parlo di quelli soli, ammalati, bisognosi di cure,
di compagnia ecc.. e delle loro famiglie.
Le risorse attuali saranno spese per sistemare la vecchia villa Moscon che sarà adibita a centro culturale oltre ad un contributo x l'ampliamento dell'asilo parrocchiale.
E il nuovo centro tipo "casa di cura" quando e con che risorse sarà fatto?
E se sono vere le voci che girano x il paese, il prestito di €...350.000,00 alla parrocchia xl 'ampliamento e ristrutturazione dell'asilo saranno l'anticipo delle rendite x circa 70 anni,
pertanto tramonta definitivamente la possibilità per la realizzazione di una struttura socio-sanitaria,
considerato l’invecchiamento della popolazione e le speranze di vita, certamente necessaria.
Non voglio ritornare sul nostro programma elettorale che prevedeva di contribuire x una " nuova scuola materna" e l'inizio del "nuovo centro per anziani autusufficienti e non", invece adesso ci troveremo con due strutture “vecchie” e solo ringiovanite e senza liquidità.
Naturalmente questo è il mio modo di vedere il futuro, vedere un paese progredire e non vivere sugli allori del passato.
Mi piacerebbe che qualcuno avesse un pò di coraggio per esprimere il proprio parere. Grazie.
Omero Badon
 Capogruppo del M5S Saonara.

martedì 6 marzo 2018

M5S PRIMO PARTITO IN ITALIA

Il dopo elezioni l'Italia si è svegliata incuriosita, vogliosa di capire ora che succede, un po' preoccupata ma anche consapevole di essersi tolta qualche sassolino dalle scarpe (..)
Noi comunque non ci lamentiamo, siamo la prima forza politica nazionale e questo ci fa onore e premia la nostra voglia di fare bene e di continuare a crescere, imparare e maturare in questa nuova esperienza.
A Saonara i nostri  1832 voti alla camera  e un buon  29% delle preferenze ci fa capire che il nostro operato è meritevole della fiducia dei cittadini e quindi Vi ringraziamo per aver rinnovato la stima verso questo movimento che sta cambiando il modo di fare e vivere la politica.
Ci auguriamo di avere la possibilità di governare il paese più bello del mondo e dimostrare di essere credibili, capaci e non per ultimo ONESTI!
GRAZIE ANCORA A TUTTI!



giovedì 23 novembre 2017

NUOVO SUPERMERCATO Alì A SAONARA



Il prossimo giovedì 30 novembre è convocato a Padova una conferenza dei servizi che discuterà in merito alla realizzazione di un nuovo supermercato che sorgerà in prossimità di via Ungaretti. (
https://goo.gl/6TvPoq)

Dagli elaborati preliminari presentati in Comune si evince che l’ingresso sarà da via Ungaretti, una strada di quartiere che viene prevalentemente usata dai residenti e che difficilmente sarà in grado di sostenere l' aumento del traffico che ci sarà nell'area a seguito della realizzazione di questo supermercato.

Non riteniamo che la realizzazione di una nuova rotonda all'incrocio con via Vittorio Emanuele sia sufficiente per risolvere questa problematica, anzi rischia di complicare l’accesso dalla/alla Strada dei Vivai.

Preso atto della ferma convinzione di questa Amministrazione Comunale di procedere nella realizzazione del nuovo supermercato, pur conoscendo il parere dell’Associazione dei Commercianti della Provincia di Padova (
https://goo.gl/BwKRnv), chiediamo:

a)      di valutare attentamente l’impatto che tale struttura ed il relativo traffico comporta sia per il contiguo quartiere “Muneghette” che per la viabilità principale esistente che già, in certi orari, risulta in sofferenza (incrocio via Roma – Via Vitt. Emanuele; incrocio via Roma-Via Morosini);

b)      di sapere quali interventi complessivi sono previsti per migliorare la viabilità e per mitigare i prevedibili disagi che si verranno a creare in termini di traffico e rumore per i residenti.



sabato 11 novembre 2017

Progetto di ampliamento delle Acciaierie Venete


 AMBIENTE, M5S SAONARA:
CHIEDIAMO INTERRUZIONE PROGETTO AMPLIAMENTO ACCIAIERIA A CAMIN
-VENGA FATTA LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE









“Chiediamo l’annullamento del procedimento in essere riguardo il progetto che prevede la realizzazione di un nuovo impianto per la produzione di laminati in acciai speciali a Camin, per due ragioni strettamente connesse tra loro, una di natura prettamente procedurale, l’altra attinente alla tipologia del progetto in questione per i rischi che la sua realizzazione potrebbe apportare ad ambiente e salute dei cittadini.” Questa la posizione espressa con decisione dal capogruppo in consiglio comunale del M5S di Saonara Omero Badon, dagli attivisti del territorio, dalla deputata padovana Silvia Benedetti, in merito all’ampliamento dell’impianto industriale esistente proposto da Acciaierie Venete Spa in via di realizzazione grazie al permesso concesso dal comune di Padova. “E’ molto grave che il comune di Padova abbia rilasciato il permesso a costruire, acconsentendo all’inizio dei lavori prima che si concludesse la valutazione di impatto ambientale, come previsto dalla legge” afferma Badon. “L’irregolarità procedurale in questo caso si carica di un ulteriore elemento: in un territorio già fortemente compromesso da un punto di vista ambientale, è facilmente prevedibile che ci sarà un notevole incremento di polveri sottili ed inquinamento acustico ma soprattutto di emissioni, comprese quelle di diossina. Vale la pena poi ricordare quanto sottolineato anche dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente (APAT) sulle gravi conseguenze che comportano queste sostanze sul piano sanitario, andando a colpire soprattutto i sistemi immunitario ed endocrino ed incidendo negativamente sullo sviluppo del feto" proseguono i pentastellati.
“Proprio perchè il nostro territorio vanta un triste primato in termini di contaminazione ambientale, pretendiamo che di fronte a progetti simili, venga impiegata la massima cautela e rispettata la legge.”  E concludono: “Non vorremmo credere che la mancanza del rigore richiesto sia stata dovuta all’atteggiamento, proprio di certa classe politica, di anteporre gli interessi di mercato a quelli della tutela della salute dei cittadini.”

Sono state inviate le osservazioni agli uffici preposti della provincia di Padova.

Ufficio Stampa della Deputata Silvia Benedetti
 Palazzo Valdina - Piazza Campo Marzio, 42 - Roma
Omero Badon M5SSaonara
Documentazione allegata dei lavori di ampliamento
link sito provincia

mercoledì 25 ottobre 2017

torniamo sul tema PFAS

Sentiamo il bisogno di tornare sul tema PFAS.

Il comune di Abano farà il controllo dell'acqua per escludere (almeno ad ora) che il grave inquinamento da Pfas del vicentino sia arrivato fin qui, ottenendo cosi' oltre la tranquillità dei cittatini anche la certificazione Emas, lo strumento voluto dall'Unione Europea per valutare quanto un ente tenga all'aspetto ambientale.

























il mattino
Arpav dati inquinamento da pfas



Noi nel giugno 2016 abbiamo presentato una mozione per chiedere il controllo della nostra acqua di falda ma fu bocciata e di conseguenza con altri gruppi M5S dei comuni limitrofi facemmo fare a spese nostre due ( solo 2 ) prelievi nel comune di Cadoneghe che risultarono sì negativi, ma come potete immaginare non ci garantiscono che veramente si sia lontani da questo rischio. ( leggi l'articolo di novembre 2016 )
Quindi la domanda è: Cosa aspetta il Sindaco di Saonara?  Link all'approffondimento di Greenpeace


giovedì 19 ottobre 2017

INCONTRO CON ARPAV 17 ottobre 2017




L'amministrazione di Saonara ha invitato l'Arpav a presentare il progetto di monitoraggio dell'aria sul nostro territorio  incontrando i cittadini di Saonara, sempre più preoccupati del problema dell'inquinamento dell'aria ma anche dell'acqua e di quello acustico e del terreno.
Si è quindi cercato di approfondire il tema degli inquinanti che respiriamo, delle malattie legate all'inquinamento tra cui le  patologie cardiovascolari, le leucemie che ne conseguono.
Il dirigente ARPAV Ilario Beltramin ha cercato di illustrare il progetto del  monitoraggio dell'aria nei due mesi invernali, gennaio e febbraio 2018 , e due mesi estivi, luglio/agosto sempre 2018 accordato con il comune di Saonara. L'incontro è iniziato con spiegazioni di base su cosa si analizza e cosa vogliono dirci i dati dei vari prodotti inquinanti analizzati. Ma i cittadini si sono dimostrati informati, preparati, hanno rivolto domande precise, importanti , sia al relatore di Arpav che al sindaco. Non si può dire di aver ricevuto risposte altrettanto esaustive, né per competenza né per completezza di informazioni. Possiamo affermare di saperne quanto prima.

I cittadini sanno che stanno respirando inquinanti, sanno anche quali sono le fonti. I cittadini cercano risposte concrete  perché è ora di fare qualcosa di realmente efficace per fermare questa evoluzione che sembra inesorabile. “ Tanto…tutto il veneto è inquinato…quindi che se può fa’????”
 questo è quello che è passato come messaggio.

 La situazione di Saonara non riguarda un territorio dove le emissioni sono la somma di piccole attività produttive, residenziale, viabilità; ma riguarda emissioni di grandi impianti industriali che hanno importante impatto a livello ambientale e quindi di salute dei cittadini. 
I cittadini sentono sì necessità di analisi quantitative e qualitative dell'aria, ma soprattutto vogliono veder prendere provvedimenti reali a tutela della loro salute.
Oltre le varie fonti di inquinamento del nostro territorio, c'è il timore  che le acciaierie Venete con il nuovo ampliamento in fase di realizzazione contribuisca ancora di più al peggioramento dell'attuale situazione e quindi vogliamo sapere prima che sia troppo tardi cosa si può fare per garantire la salute delle persone…È ora di fare concretamente qualcosa! 
Inoltre ci sembra importante sottolineare che un icontro così importante organizzato alle 17 del pomeriggio, con poca ed anche errata informazione sui giornali non è voler informare i cittadini! 

ECCO LE RICHIESTE DA FARE ALL’AMMINISTRAZIONE DI SAONARA

*Chiediamo nuovamente ( come da nostra mozione passata) un anno continuato di monitoraggio dell'aria sul territorio.

*Chiediamo che sia predisposta una convenzione ad hoc con Arpav e/o università e/o altro ente certificato per avere analisi più puntuali e precise anche sulle ricadute nel terreno degli inquinanti atmosferici tra cui la diossina.

*Chiediamo controlli sull'inquinamento acustico, legato alle aziende industriali limitrofe di cui molti cittadini lamentano il disturbo e conseguente pubblicazione dei risultati nel sito del comune.

*Chiediamo nuovamente vengano fatti controlli su acqua di falda e pozzi, richiesta già bocciata a novembre dello scorso anno

*Chiediamo inoltre che venga colmata la mancanza ventennale del registro dei tumori veneto su questo territorio  (a parte l'anno 2013 che è l'unico già esistente). L’amministrazione deve  chiedere all'usl e quindi ai medici locali di fare uno studio sulle malattie derivanti dagli elementi tossici, anzi cancerogeni che inaliamo.

  Qui alcuni link per approffondire il tema sia dell'inquinamento che del progetto di ampliamento delle acciaierie
 Provincia di Padova : Ampliamento Acciaierie

mercoledì 4 ottobre 2017

APPROVATA MOZIONE WIFI4EU

APPROVATA LA MOZIONE WiFi4EU - WIFI GRATUITO PER GLI EUROPEI


Nell'ultimo Consiglio Comunale è stata approvata all'unanimità una mozione che impegna l'amministrazione ad attivarsi nei confronti del progetto WiFi4EU, un’iniziativa della Commissione Europea volta a favorire l'accesso ad internet di alta qualità ai cittadini e ai visitatori in spazi pubblici quali parchi, piazze, edifici pubblici, biblioteche, musei e centri sanitari in tutta l'Europa.

Sono stati stanziati  in totale 120 milioni di euro che dovrebbero coinvolgere fra i 6000 e gli 8000 Comuni, per l'italia in particolare sono destinati 20 milioni di euro per 1000 Comuni.

Siccome le domande saranno selezionate in base all'ordine di presentazione è di fondamentale importanza elaborare un progetto il prima possibile, il bando infatti dovrebbe uscire verso dicembre 2017 o inizio 2018. 

Si tratta di un'opportunità per estendere un servizio già esistente nel nostro Comune il quale , grazie anche ad una mozione del 2014 presentata da Omero Badon, si è già attivato in questo senso aderendo al bando Veneto Free Wi-Fi che ha permesso l'installazione di punti per l'accesso internet Wi-Fi in piazza Maria Borgato Soti a Saonara e in Piazza Aldo Moro a Villatora.
















Ente Moscon News

Dopo un lungo periodo di calma, sembra che il vecchio CDA abbia dato un colpo di coda,  indicando al”NUOVO” il percorso da fare. Natur...