sabato 27 luglio 2019

Mozione " più alberi a Saonara " BOCCIATA


 L'INSOLITA  SAONARA

Mentre molte Nazioni,Città, comuni  si stanno muovendo concretamente per combattere ed attenuare l'emissione di polveri inquinanti di tutti i tipi, anche con  la  piantumazione di piante mangiasmog  che si prestano  ad assorbire una gran parte di PM10, il consiglio comunale di Saonara , maggioranza e minoranza presenti,  vota contro alla mozione presentata dal M5S che chiedeva la possibilità di piantumare nuove piante mangiasmog.
 Sorvoliamo sulla motivazione del sindaco che non si potevano piantare piante grandi, ma sinceramente siamo rimasti sconcertati e mai avremo pensato che l'ottusità arrivasse ad un livello così alto, persino i consiglieri all'opposizione hanno votato contro, in cuor nostro spero si tratti solo di avversità al M5S , perchè altre spiegazioni non riusciamo a pensarle.
Lo sappiamo che diamo fastidio alla vecchia politica, però in un paese piccolo come Saonara si dovrebbe lavorare per i cittadini, il colore politico non dovrebbe essere di ostacolo.
Chiediamo cortesemente a chi legge queste poche righe di riflettere e pensare che di questo passo non arriveremo molto lontano, i media quotidianamente ci informano dei disastri ambientali che stanno imperversando nel nostro pianeta per effetto del surriscaldamento globale e come molte gocce riempiono il mare, anche noi nel nostro piccolo possiamo fare qualcosa, per esempio piantando un'albero.                                           



 


 DI SEGUITO LE MOTIVAZIONI DEL SNDACO:

Sindaco STEFAN
Anticipo il nostro orientamento, l’orientamento della maggioranza che è negativo all’approvazione di questa mozione. Non certo perché siamo carenti di sensibilità ambientale, anzi credo che abbiamo dimostrato in questi anni di avere un’attenzione particolare proprio per l’ambiente e per il verde, ma perché ci lascia perplessi sia la parte del deliberato in cui si fanno delle proposte, a nostro giudizio irrealizzabili, e sia anche la parte delle premesse dove mi passi il termine – anch’io ho letto questo documento della Fondazione Think – Tank!, però parliamo di stime, non certo di una valenza scientifica nel certificare decessi dovuti alle cause che lei ha annunciato. Parliamo di stime, ripeto, anche perché mi riesce davvero difficile, in assenza di un approfondimento scientifico, verificare di che tipo di PM uno è deceduto. Io vedo la dottoressa Bado che sorride, ma mi pare che, per accertare questo, ci voglia un approfondimento diagnostico di altra natura. Ma comunque di questi aspetti ne risponde il MoVimento 5 Stelle.
Pare un po’ strano poi partire da Berlino passando per Londra, dimenticando Parigi tra l’altro, e arrivare a Saonara. Io credo, con tutto il rispetto, che sia un azzardo nel senso che la nostra è una

realtà territoriale di un piccolo comune a ridosso di una città, nella cintura urbana di una città che è vero ha questa caratteristica economica di avere una presenza notevole di aziende vivaistiche, ma proprio per questo ci sembra assurdo quanto proposto nel senso che si propongono delle barriere verdi lungo la strada dei Vivai che là, dove è libera da abitazioni e attività, permette proprio di vedere la coltivazione dei vivai. Così come pensare di realizzare in comune di Padova, tra l’altro che non è il nostro comune, su aree che sono probabilmente di proprietà o nella disponibilità della Società Autostrade lungo l’autostrada Padova-Bologna ci sembra veramente di difficile, se non impossibile realizzazione. A meno che il ministro Toninelli non interceda per noi. Dalle notizie che noi avevamo è che nel piano di Autostrade, non ricordo adesso l’annualità precisa, ma era prevista una serie di barriere antirumore lungo proprio l’autostrada Padova-Bologna in corrispondenza del nostro abitato. Quindi per queste ragioni e non certo perché ci manca una sensibilità ambientale, ritenendo questa proposta assolutamente inattuabile, noi votiamo contro.
Ci sono altri interventi? Consigliere Dian.
Consigliere DIAN
Il tema è molto delicato, la questione dell’inquinamento è un tema molto delicato; per quello che conosco io, per quello che ho potuto vedere il tema del verde, delle piantumazioni delle piante, tutto quello che riguarda di fatto le biomasse è un tema che riduce sicuramente l’inquinamento ma la parte relativa all’anidride carbonica CO2, ma per quanto riguarda la questione delle polveri è una cosa che non sono in grado di affermare che questo lavoro lo possa fare. Se ci devono essere delle risorse in termini di polveri sottili, io credo sia molto più interessante metterle sul lavaggio delle strade e il lavaggio di marciapiedi dove la polvere si deposita e dove, quando tira il vento o il prossimo protocollo da fare con chi fa la gestione della raccolta e dello spazzamento dei rifiuti invece che usare dei soffianti per buttare in giro e raccogliere lo sporco, invece di usare le soffianti che sono quelle che mandano in sospensione tutte le polveri sottili, di lavare le strade più di qualche volta ed eliminare le polveri. Probabilmente molte più piante, c’è molta più superficie libera quindi la polvere si deposita sulle foglie, però non è detto che dopo delle foglie ritorni ancora. È un aumento di superficie dove le polveri si possono depositare, ma piante che mangiano la polvere io non... però è una mia ignoranza personale. Se ci sono delle risorse, ripeto, facciamolo in maniera molto più pratica, laviamo le strade, puliamo le polveri sottili dalle strade e dai marciapiedi.
Sindaco STEFAN
Consigliere Badon, prego.
Consigliere BADON
Visto che qualcosa riusciamo a prendere spunto dal Comune di Padova, posso leggere una nota di Chiara Galliani che è assessore. «Piano di gestione degli alberi. Per la prima volta il Comune di Padova si dota di un piano di gestione degli alberi»...
Sindaco STEFAN
Ha fatto la domanda e si è dato anche la risposta. Prego, continui.
Consigliere BADON
«Si dota di un piano di gestione degli alberi nel lungo periodo. Il piano è in bozza per avviare un confronto con gli altri settori»... Non leggo tutto, comunque stanno facendo qualcosa.
Mi stupisce che tutto il Consiglio voti contro una cosa del genere. Non dico di prenderlo alla lettera punto per punto, ma neanche bocciarlo a priori. Ogni telegiornale che noi guardiamo, trasmissione televisiva abbiamo i problemi oltre che dell’inquinamento, del buco nell’ozono e via discorrendo, l’innalzamento della temperatura e noi siamo sempre gli ultimi che cominciamo a fare qualcosa. Cominciamo a fare qualcosina. Non dico mettere alberi dappertutto, però neanche bocciare a priori un’iniziativa del genere. Resto veramente basito di fronte a una scelta del genere.
Atto prodotto da sistema informativo automatizzato (L 82/2005 e s.m.i)


Mi rivolgo a voi perché avrete un po’ di coscienza verso il paese, verso la comunità. Non solo Saonara. Cominciamo anche noi a fare qualcosa. Aspettiamo sempre gli altri? Tanto buttiamo di là, buttiamo le immondizie di là. Facciamo sempre che noi siamo i più belli, tanto mal comune mezzo gaudio. Vorrei una volta sentire qualcosa. Siamo attenti alle costruzioni, il cemento, bello, ristrutturiamo, però stiamo rovinando il pianeta. Mi piacerebbe cominciare a fare qualcosa, che il nostro Comune facesse qualcosa.
Sindaco STEFAN
Abbiamo capito, consigliere.
Consigliere BADON
Mi sembra di no, perché sei un po’ sordo con le orecchie.
Sindaco STEFAN
Consigliere, abbiamo delle opinioni diverse e questo non ci deve meravigliare. Noi siamo per le cose concrete, non per le cose campate in aria. Per esempio per le polveri sottili sicuramente incrementare le macchine elettriche servirà molto; diminuire i diesel favorendo le auto elettriche o ibride servirà molto. Nel nostro piccolo caso, per quello che possiamo fare, questa Amministrazione – l’abbiamo detto in sede di bilancio triennale – ha intenzione di realizzare un grande parco urbano al centro del territorio. Parlo di parco, non di giardino. Dove in quel posto sicuramente verranno collocate tutta una serie di piante, anche di alto fusto, ma non già di alto fusto perché qua qualcuno vuole le piante di alto fusto appena piantate e bisognerebbe lasciar fare alla natura il suo percorso, anche perché prendere una pianta, magari in un vivaio correggimi Michela, se sbaglio di alto fusto vuol dire cepparla e quindi non ha l’apparato radicale, piazzarla e al primo colpo di vento casca in testa a qualcuno e poi si grida al disastro. Le piante vanno piantate seguendo un certo criterio e quello che faremo è soprattutto piantare piante autoctone.
Sul discorso delle piante mangia-smog ho visto un servizio in televisione della Coldiretti, che hanno fatto in una manifestazione proprio di recente una dimostrazione piccola di queste piante. Verificheremo. Non vorrei che fosse un’altra furbata commerciale. Del resto quello che diceva prima il consigliere Dian, tutte le piante ci consentono di risparmiare anidride carbonica. Ma su questa materia in generale questa Amministrazione, almeno parlo per i sette anni che siamo qua, credo che abbia dimostrato di avere una sensibilità particolare. Si pensi ad esempio all’idrovia: anche di recente abbiamo piantumato delle piante qui in via Ugo Foscolo, tra l’altro delle piante ad alto fusto. Quindi io non credo che dobbiamo prendere lezioni sotto questo aspetto. Abbiamo delle opinioni diverse solo sulla parte realizzativa. Siepi lungo la strada dei Vivai non ne mettiamo, perché vuol dire oscurare proprio la presenza delle aziende vivaistiche del territorio.
Ci sono altri interventi? Se non ci sono altri interventi, mettiamo in votazione il punto 8 dell’ordine del giorno.

La votazione è aperta. Presenti
Favorevoli
Contrari

Astenuti
14
02 (Badon O., Marzollo) 12
00


Il Consiglio non approva.
Passiamo all’ultimo punto dell’ordine del giorno.

giovedì 18 luglio 2019

Mozione " PIU' ALBERI A SAONARA"



Nel prossimo Consiglio Comunale porteremo la mozione "Più alberi mangia smog a Saonara"
La sensibilità verso l'ambiente e la salute ci ha portati a entrare nelle istituzioni e nell'osservare le vie dei nostri centri senza alberature che portino ombra a chi passeggia, a chi aspetta un autobus, a chi porta a passeggio il proprio bambino o il cane, o va a fare la spesa al mercato, non si può non notare che manca qualcosa che la natura ci ha dato e che chiediamo all'amministrazione di ripristinare.

Gli alberi sono l'infrastruttura più importante della città: per la salute, il benessere, sono la naturale contrapposizione  al cambiamento climatico e all'inquinamento.
e Padova si sta organizzando per portare questo miglioramento!


 Come esempio qui ci sono Londra Barcellona Parigi.....
Mozione pdf


giovedì 11 aprile 2019

Mozione PLastic Free Challenge per Saonara

Il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha lanciato la proposta “Plastic Free Challenge” ponendo come primo obiettivo quello di liberare dalla plastica il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, partendo dagli articoli monouso.
Il M5SSaonara propone all'amministrazione Saonarese di cogliere questa opportunità e far diventare anche noi un comune che sia d'esempio ai propri cittadini, come un padre ai propri figli, di come si può far un uso più coscienzioso della plastica con cui ormai conviviamo nell'uso, anzi abuso, quotidiano.
E' ora di cambiare le nostre abitudini se non vogliamo annegare nella plastica!

Fonte Ministero dell'Ambiente


mercoledì 10 aprile 2019

500 milioni ai comuni


Grazie alla norma Fraccaro, inserita nel decreto Crescita, il Governo stanzia ulteriori 500 milioni destinati ai Comuni. Risorse dedicate all'avvio di opere pubbliche di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile. La distribuzione di queste risorse avverrà in base alla popolazione.
A Saonara sono quindi destinati 90.000 euro.
 Speriamo che l’amministrazione comunale agisca in tempo per poter utilizzare questi fondi dato che l'unico vincolo è avviare i lavori entro 15 Ottobre 2019.




giovedì 21 marzo 2019

FONDO PER LE POLITICHE GIOVANILI



RaphaelRaduzzi.M5S
assieme a tanti altri deputati under 35 abbiamo avuto un importante incontro col sottosegretario Spadafora.
È stato molto interessante perché abbiamo condiviso le novità e le modalità di gestione del fondo per le politiche giovanili che in legge di bilancio, dopo anni di tagli, abbiamo incrementato di 30 milioni.
Questo fondo veniva purtroppo gestito nel passato in maniera clientelare e localistica, finanziando per lo più eventi locali, disperdendosi quindi in progetti anche da 5-10 mila euro.
In questi mesi si è lavorato per cambiare impostazione. Il 30 marzo verrà infatti lanciato un bando nazionale aperto per due mesi a cui potranno aderire singoli o associazioni di giovani per portare avanti progetti nel loro territorio.
Sono quindi messi a disposizioni finanziamenti a fondo perduto e assistenza tecnica e finanziaria per iniziative di imprenditoria sociale giovanile.
A questo link (http://www.agenziagiovani.it) i giovani under 35 fino a domani possono registrarsi all'evento a Cinecittà in cui verrà presentato il bando e le tante altre altre iniziative per i giovani che il nostro governo sta mettendo in campo. C'è diritto ad un rimborso spese per il viaggio e la giornata sarà all'insegna della partecipazione. Ci saranno inoltre tantissimi 'influencer' conosciuti tra i giovani: l'obiettivo è far arrivare a più persone possibili (e senza filtri politici) l'opportunità.
Credo davvero sia una bella iniziativa e spero mi aiuterete a divulgarla!

martedì 26 febbraio 2019

Il dopo incontro con Arpav

Lunedi 25 febbraio c'è stato l'incontro con Arpav e la sala consiliare si è riempita di cittadini, di gruppi quali Legambiente e Liberiamolaria, e di persone competenti che hanno potuto fare domande o meglio fare proposte.
Ne è uscito un dato e cioè che questo monitoraggio dell'aria a Saonara del 2018 non ha soddisfatto i presenti.
Il dato che emerge è il valore di benzo(a)pirene (elemento cancerogeno) che nel periodo invernale ha superato di 4 volte il limite consentito dalla normativa.(Qui la relazione Arpav)
Un altro dato che non è piaciuto è che non sono stati esaminati nè il PM 2,5 nè i metalli pesanti  ( arsenico-nichel-cadmio) e che invece , se richiesto ad Arpav, potevano essere esaminati.
Poi il tipo di monitoraggio non ci dice in nessun modo gli orari in cui ci sono stati i picchi del benzo(a)pirene che se è risultato mediamente di 4 volte superiore vuol dire che può aver avuto picchi anche importanti.
Alla fine nessuno sà il perchè di questo dato ( che deve essere considerato allarmante), e nessuno puo' con questi dati dare una qualche indicazione della fonte.
E' stato interessante ascoltare i molti cittadini: chi ha additato come possibile causa le stufe a legna, chi l'accompagnare a scuola i ragazzini e inquinare con le auto ( ma c'è chi ha controllato attraverso la lettura delle targhe che erano tutte auto euro 6, euro 5, poche euro 4, nessuna euro 3), chi vuole capire se le acciaierie a noi così vicine c'entrano, e poi ovviamente il traffico della strada dei Vivai, la zona Industriale con cui confiniamo, l'inceneritore, etc...
Poi non ha convinto il discorso di aver posizionato la centralina sopravento rispetto alla zona industriale e che questa informazione dovrebbe farci strare tranquilli perchè protetti dai fumi delle acciaierie per cui sarebbe invece opportuno effettuare una campagna di misura attraverso una metodologia che ricerchi le posizioni geografiche delle possibili fonti emissive (ad esempio utilizzando strumenti che permettano di effettuare misure continue piuttosto che valori medi).

Se davvero le stufe a legna possono contribuire a questa forma d'inquinamento, è utile sapere ed informare i cittadini che un bando Regionale da' un contributo per la rottamazione di vecchie caldaie /stufe a legna
( qui il bando) ma bisogna sbrigarsi perchè scade il 30 aprile 2019.
Sicuramente in oltre due ore sono state elencate altre cose che potremmo aver dimenticato... ma potete contattarci a aggiungere le vostre considerazioni.

QUINDI..... tutto da rifare? i cittadini presenti sperano di sì ma rifare bene e presto!

inquinanti (sito Arpav)


domenica 24 febbraio 2019

Serata pubblica ARPAV-ARIA Saonara

Appuntamento importante lunedi 25 Febbraio alle20:45
Ci verrà spiegata la lettura dei mesi monitorati nel 2018 nel nostro territorio e potremmo porre domande al relatore. Quindi venite numerosi!


Mozione " più alberi a Saonara " BOCCIATA

 L'INSOLITA  SAONARA Mentre molte Nazioni,Città, comuni  si stanno muovendo concretamente per combattere ed attenuare l'emissio...